• Lulu

Una wedding planner al suo matrimonio

Aggiornato il: set 24

Le storie e le emozioni raccontate dalle nostre spose davanti lo specchio del nostro Atelier

Dalla serie " Momenti magici in atelier"

PH. Francesco Gravina

Oggi parla Giuliana

Giuliana è una donna dinamica, grintosa molto raffinata ed elegante, di quell’eleganza sobria ma ricercata con un occhio particolarmente attento alla qualità delle materie prime. Attenzione e dedizione che vedo sfoggiare nella sua professione, lei è infatti una abilissima wedding planner, ha accompagnato decine e decine di spose passo dopo passo al giorno del loro sì ..fino ad arrivare al suo grande giorno.. dove l’emozione non si è fatta attendere.


Ciao Giuliana e grazie di aver voluto raccontarci le tue emozioni attraverso questa intervista:

Ciao Luana grazie a voi per avermi dato questa possibilità

Ph: Francesco Gravina

Come hai conosciuto il nostro Atelier? Cosa ti ha convinto a fermare la tua ricerca dell’abito da sposa perfetto e lasciarti coccolare da noi?

"Ho conosciuto il vostro atelier sposa a Reggio Calabria tramite delle nostre spose che avevano realizzato i loro splendidi abiti da voi.

Non ho fatto il giro degli atelier come solitamente fanno le spose per poi arrivare da voi. Avevo le idee chiare, volevo un abito che fosse mio che mi rappresentasse, in cui essere a mio agio pertanto ho deciso senza alcun dubbio di fare un abito su misura ed a Reggio Calabria il vostro atelier era quello che aveva la giusta esperienza per trasformare la mia idea in realtà".

Ph. Francesco Gravina

Ti eri innamorata di una linea in particolare sin da ragazzina.. ricordo che mi raccontasti di aver cominciato letteralmente a collezionare una serie di foto di abiti da sposa, tutti avevano la stessa essenza di semplicità e raffinatezza. Quindi abbiamo disegnato insieme il tuo abito, scelto il tessuto giusto e poi è giunto il momento della prima prova. Mi racconti cosa hai provato quando lo hai indossato la prima volta?

"E si ricordi perfettamente. Avevo salvato alcune pagine di riviste di settore quando si sposò mia sorella nel 2000 e quando venni in atelier la prima volta portai queste immagini e tu disegnasti la linea dell’abito che ti avevo descritto. Abbiamo scelto di farlo in pura seta perché volevo avesse il massimo della fluidità e la morbidezza ed i tessuti naturali sono sicuramente migliori rispetto a quelli sintetici.

Decidere di fare un abito su misura in atelier è un’esperienza diversa rispetto alla scelta di un abito di collezione. L’emozione che si prova quando indossi un abito già pronto in questo caso è dilazionata.

Ogni prova qualcosa prende forma e quell’emozione viene fuori ad ogni modifica in un crescendo che esplode nell’ultima prova quando quell’idee che avevi e quel sogno grazie ad abili mani sono divenuti realtà".


Ph. Francesco Gravina

Come ti sei sentita durante le prove, rifaresti la stessa scelta?

"Durante le prove sono stata a mio agio. Avevamo inizialmente ipotizzato di inserire un ricamo che aveva fatto la mia amata nonna ma poi guardandolo sull’abito qualcosa non mi convinceva allora essendo le rose nelle giacche un elemento che mi contraddistingue ecco che abbiamo deciso di realizzare due splendide rose in seta pura una da mettere in vita ed una per i capelli. Ricordo che durante una delle prove con una mia cara amica abbiamo deciso di aggiungere un ulteriore strato per renderlo ancora più morbido. E’ stato un abito che è stato costruito su di me di volta in volta".


Raccontami di quel giorno.. i dettagli ..le emozioni ..

"Ho vissuto il giorno del mio matrimonio con una grande carica emotiva ma al contempo con grande naturalezza, volevo fosse una festa e volevo essere a mio agio. Ricordo che sono passata in atelier a prendere l’abito alle 12 e poi sono andata a prepararmi in una splendida casa in riva al mare di una mia amica.

Essendo riccia avevo deciso di farmi sola i capelli e di lasciarli al naturale per essere me stessa, anche il trucco era molto naturale in quanto solitamente non sono truccata.

Il nostro fotografo e grande amico, Francesco Gravina, arrivato appositamente dalla Puglia è un reportagista puro io lo chiamo cacciatore di emozioni ed è stato così anche durante il nostro giorno.


PH.Francesco Gravina

Ho ricevuto tantissimi complimenti per l’abito, molti mi hanno detto: "era l’abito adatto a te eri te stessa" io in effetti ero a mio agio sono scesa in spiaggia, ho ballato e quando la serata è finita ero talmente comoda che a differenza di molte spose che non vedono l’ora di togliere abiti ingombranti io lo avrei tenuto ad oltranza.

Sono felice della mia scelta, la rifarei ed il mio consiglio per le spose è di valutare un abito sartoriale in quanto parlerà di loro e sarà esclusivo come deve essere il giorno più importante della loro vita"



Cosa dire di più

è sempre un emozione grande ascoltarvi, rivivo con queste parole quei momenti passati insieme a dissipare dubbi ad avvallare certezze a carpire in un espressione o in atteggiamento voi.. e cucire quelle emozioni su un tessuto. Il percorso tailor -made è un arte a tutti gli effetti, è un quadro fatto a quattro mani ( e di più) ma poi i risultati sono grondanti di passione e amore.


Grazie di vero cuore Giuliana per le tue parole, per la fiducia che dal primo sguardo hai riposto in me e per avermi emozionato ancora una volta.


Dettagli che rendono unici








Si raccontano loro; le spose innamorate a prima vista di un abito delle mie collezione e quelle che hanno affidato i loro desideri al mio foglio e matita e all’esperienza dei nostri laboratori. Ognuna ha vissuto il suo momento unico davanti allo specchio, tra lacrime di gioia e sorrisi emozionati. Le cose belle della vita.

Le cose importanti per me Luana Polimeni che sono una stilista che conferma ogni volta la propria passione per questo lavoro immersa e nutrita da quelle sensazioni.

Leggi tutte le storie nella sezione real wedding, guarda le gallery e lasciati ispirare.


Io intanto ti aspetto nel mio atelier sposa e alta moda a Reggio Calabria




©2018 by Luana Polimeni .